Silent night

Silent night

Ci sono cose talmente geniali che ti lasciano folgorato, e il brano 7 O’Clock News/Silent Night di Simon e Garfunkel credo sia il modo più geniale e contemporaneamente semplice che io abbia mai trovato per spiegare l’avvenimento del Natale (chi non l’ha mai sentito può trovarlo qui). Il brano ha questa particolarità: S&G cantano il famosissimo canto natalizio Silent night, mentre in sottofondo si sente un notiziario radiofonico (precisamente, il notiziario delle 19:00 del 3 agosto 1966). Mentre S&G cantano “Silent night, holy night;…

Leggi tutto l’articolo Leggi tutto l’articolo

L’altra via

L’altra via

“Quindi sembrò come se gli uomini dovessero procedere dalla luce alla luce, nella luce del Verbo. Attraverso la Passione e il Sacrificio salvati a dispetto del loro essere negativo; bestiali come sempre, carnali, egoisti come sempre, interessati e ottusi come sempre lo furono prima, eppure sempre in lotta, sempre a riaffermare, sempre a riprendere la loro marcia sulla via illuminata dalla luce. Spesso sostando, perdendo tempo, sviandosi, attardandosi, tornando, eppure mai seguendo un’altra via.” (T. S. Eliot) Bisognerebbe leggere e…

Leggi tutto l’articolo Leggi tutto l’articolo

I nostri infiltrati

I nostri infiltrati

Mi ha sempre incuriosito quella dinamica per cui due connazionali che in patria si sarebbero ignorati, se si incontrano in terra straniera diventano subito amici. Succede spesso: tu sei in giro per una città straniera, magari di una cultura molto diversa dalla tua (che so, in India o nell’Africa nera), e incontri un italiano. Beh, scatta subito un’empatia per cui è come se con quella persona avessi tutto in comune. E’ una cosa naturale, succede e basta. Istintivamente ti fidi…

Leggi tutto l’articolo Leggi tutto l’articolo

Mi passano avanti

Mi passano avanti

Non so quante volte ho letto quel passo del Vangelo in cui Gesù dice che “i pubblicani e le prostitute vi passano avanti nel regno di Dio” (Mt 21,28-32), prima di rendermi conto che quella frase Gesù non la dice ai farisei, ma a me. Da quel giorno, da quando ho capito che il destinatario del monito ero io, sono cambiate moltissime cose nel modo in cui guardo me stesso e gli altri. Il fatto è che quel passo del Vangelo,…

Leggi tutto l’articolo Leggi tutto l’articolo

Il primo social network

Il primo social network

Zuckerberg non ha inventato niente, e a ben vedere è solo un principiante. Il primo social network, infatti, è nato duemila e rotti anni fa, e l’ha inventato la Chiesa: si chiama Comunione dei Santi. Ed è di gran lunga il più popoloso, al cui confronto il miliarducolo di iscritti che puó vantare Facebook fa ridere i polli. E non è solo un problema di quantità: Facebook avrà anche raccolto le iscrizioni di persone potenti e famose, ma alla Comunione…

Leggi tutto l’articolo Leggi tutto l’articolo

In coda al furgone

In coda al furgone

Viaggiando in macchina, non sempre vedi la strada aprirsi davanti a te, a perdita d’occhio, che chiede solo di essere seguita: ci sono delle volte in cui la pioggia, la nebbia o il buio riducono a tal punto la visibilità da rendere quasi impossibile “prevedere” il percorso a più di poche decine di metri. Capita poi che in questa situazione, come se non bastasse, ci si trovi dietro ad un furgone, che – disdetta! – non permette di sbirciare attraverso…

Leggi tutto l’articolo Leggi tutto l’articolo

Il biglietto vincente

Il biglietto vincente

Io la vedo così: ogni giorno, molte volte al giorno, ci viene messo in mano il biglietto vincente della lotteria. Quello vincente sul serio, il primo premio extra-lusso, mica roba da pezzenti. Quello che ci dà più di quanto osassimo sperare, quello che raggiunge l’obiettivo che da soli non eravamo in grado di raggiungere. E poi accade che per una strana miopia che ci ritroviamo addosso, quel biglietto lo buttiamo. Quello che ci frega è che quel biglietto l’abbiamo immaginato,…

Leggi tutto l’articolo Leggi tutto l’articolo

Tapis roulant

Tapis roulant

Mi hanno sempre terrorizzato i tapis roulant: solo una mente diabolica può concepire un marchingegno infernale come quelli! Un coso che ti obbliga a contrastarlo continuamente, senza fermarti mai, perchè se ti fermi ti scaraventa fuori. Devi correre: voglia o non voglia, se ci sei sopra devi correre. Perchè lui non si ferma. Praticamente devi far fatica per “restare fermo”, per tenere la posizione, e un secondo di pausa è sufficienteper ritrovarti per terra. Non hai tregua: devi correre. Non…

Leggi tutto l’articolo Leggi tutto l’articolo